Claudia Profeta
Le sue foto sono state esposte alla Biennale di Fotografia e numerosi sono i premi vinti tra cui “Il paese sull’acqua” organizzato dal Corriere della Sera. Anima del Circolo Fotografico IL FARO di Civitanova di cui è anche Presidente, Claudia Profeta tiene corsi di Fotografia e collabora con riviste specializzate. Da sempre attratta dal mondo dell’immagine ma tutto è iniziato da….

Dalle pessime foto che il mio ex marito faceva nelle ricorrenze familiari o quando eravamo in vacanza (era lui il fotografo di casa). Mancavano, immancabilmente, teste e piedi. Così mi sono iscritta al primo corso di fotografia, per imparare i rudimenti di inquadratura e sostituirmi a lui dietro la macchina fotografica.

QUALE E’ IL TEMA CENTRALE DELLE TUE FOTO?
L’essere umano.

CHE COSA TI FA FERMARE E DECIDERE DI SCATTARE?
Una situazione particolare, qualcosa che in quel momento mi suscita un’emozione o una curiosità, credo sia una specie di istinto, qualcosa che ti risuona dentro e dirige il tuo sguardo. La fotografia per me è innanzitutto progetto: la realizzazione di un’idea attraverso la luce.

QUALE E’ IL LUOGO DI CIVITANOVA CHE TI PIACE DI PIU’ FOTOGRAFARE?
Il porto e il fiume. Sono luoghi pieni di vita e insieme vuoti di tutti gli elementi che creano, da un punto di vista fotografico, un disturbo a livello estetico.
Civitanova - Foto di Claudia Profeta

LA COSA PIU’ STRANA CHE HAI FATTO PUR DI SCATTARE UNA FOTO..
Ho una grande passione per i luoghi abbandonati e spesso mi sono introdotta in strutture in cui era vietato l’accesso, scavalcando muri di recinzione e cancelli altissimi, e più di una volta sono caduta rischiando di farmi male, ma fortunatamente mi sono solo procurata abrasioni e graffi.

IL SOGGETTO PIU’ DIFFICILE DA FOTOGRAFARE?
Me stessa.

CI SONO DEI FOTOGRAFI A CUI TI ISPIRI?

PUNCTUM - Foto di Letizia Battaglia

No, guardo le foto dei grandi fotografi, le analizzo, ma da un punto di vista meramente tecnico. Credo che le mie foto siano legate alla mia storia e al mio sentire e non siano influenzate da nessuno, anche se amo particolarmente Letizia Battaglia, per il suo impegno civile e sociale contro la mafia.

 

 

OGGI TUTTI CON IL CELLULARE POSSONO SCATTARE E PUBBLICARE UNA FOTO..
I social e i cellulari hanno aumentato in modo esponenziale la quantità di foto pubblicate, ma quantità non è sempre sinonimo di qualità. Personalmente non pubblico quasi nulla sui social, perché credo che una foto su Facebook si bruci e passi nel dimenticatoio nel giro di poche ore, fagocitata da milioni di altre immagini pubblicate ogni giorno. Le mie foto sono nel mio pc, tranne alcune stampate per mostre, manifestazioni o concorsi.

TI PIACE FARTI FOTOGRAFARE?
Odio farmi fotografare e non ho mai fatto un selfie. Mi sono fotografata di recente per una mostra del mio circolo sul tema “Lo specchio e l’introspezione”, e farlo mi è costato molto sacrificio.
Dualità - Foto di Claudia Profeta

QUANTO RIVELA DI TE UN TUO SCATTO?
Se guardo le mie foto, vedo il mio carattere, il senso dell’ordine e la razionalità.

LA FOTO CHE ANCORA NON HAI FATTO E’..
E’ a New York, dove ancora non sono andata. Mi piacerebbe molto scattare delle foto a New York.