Auditorium di S. AgostinoNel Settecento la chiesa a navata unica, di impianto romanico-gotico, intitolata prima a Sant’Antonio e poi a Sant’Agostino, edificata nel cuore della Città Alta, viene radicalmente rinnovata all’interno, adeguata alla moda Rococò, abbellita con gli eleganti stucchi attribuiti allo scultore Agostino Varlè, rialzata per far posto all’organo Callido e nuovamente coperta a ‘botte’. Negli anni Novanta l’ex chiesa di Sant’Agostino viene restaurata e destinata ad Auditorium, luogo privilegiato ad ospitare mostre d’arte ed eventi culturali di alto livello. Poco dopo vengono restaurate le tele ottocentesche del pesarese Pietro Tedeschi: Madonna della cintura, San Nicola da Tolentino e le anime purganti, L’elemosina di San Tommaso da Villanova. Restaurato negli stessi anni, oggi perfettamente funzionante, il magnifico organo del veneziano Gaetano Antonio Callido, allievo di Pietro Nacchini, stimato organaro di origini dalmate. L’Auditorium di Sant’Agostino, dirimpetto alla Pinacoteca Comunale “Marco Moretti”, da anni è lo spazio eccellente per eventi eccellenti: mostre d’arte di risonanza nazionale, concerti di musica antica, convegni, performance di danza classica e moderna, happening culturali.